Adesione all' Iniziativa sulla Sicurezza impianti GAS domestici inferiori a 34,8 kW

Con lo scopo di sensibilizzare maggiormente il grado di sicurezza su gli impianti gas domestici nella città di Torino e provincia gestiti da ITALGAS, è stato siglato un accordo tra il comune di Torino, la Provincia, la Camera di Commercio di Torino, l'AES Torino, l'ITALGAS, le associazioni Artigiane di Torino quali C.N.A. Installazione - CASARTIGIANI - CONFARTIGIANATO, le Associazioni Industriali ASSISTAL sezione Piemonte e Valle d'Aosta, AIT Unione Industriale (Associazione Imprese di Impianti Tecnologici) e gli Istituti di Credito Intesa SanPaolo, Unicredit, e Banca Popolare di Novara.

Nella sostanza si tratta di un protocollo d'intesa sulla sicurezza impianti gas che prevede:

  • Finanziamenti agevolati ai cittadini che vogliono adeguarsi alle normative vigenti e mettere in sicurezza gli impianti gas esistenti
  • Corsi di aggiornamento normativo rivolti agli installatori
  • Campagna pubblicitaria di vario genere per informare i cittadini
  • Pubblicazione degli elenchi installatori che aderiscono al progetto

Per quanto riguarda gli installatori, l'adesione è stata facoltativa. Ecco un riassunto del contenuto riguardante il codice comportamentale personalmente sottoscritto:

  • L'aderente si impegna a realizzare gli impianti a gas ad uso civile, a norma ed accettare il Codice Comportamentale ed il Protocollo d'Intesa di cui:
  • Eseguire gratuitamente i controlli VISIVI degli impianti a seguito di una richiesta dei cittadini
  • Nel caso dovesse intervenire deve prima fare un preventivo di spesa facendo riferimento al prontuario delle piccole riparazioni domestiche e alle opere edili ed impiantistiche sulla piazza di Torino
  • Rispettare le regole di correttezza professionale ed etica e di eseguire i lavori diligentemente e a regola d'arte
  • Rispettare le norme e leggi che regolano il settore in oggetto ossia impiantistica a gas
  • Rilasciare a fine lavoro la Dichiarazione di Conformità
  • Inviare copia della scheda di verifica visiva dell'impianto all'Osservatorio per il monitoraggio delle attività
  • In caso di controversia con i clienti si avvallerà della procedura di conciliazione istituita presso la Camera di Commercio di Torino

Considerazioni sulla sicurezza impianti gas

L'iniziativa è sicuramente utile visto che a mesi dovrebbe entrare in vigore l'ultima parte della Delibera n.40/04 dove si richiede, da parte delle aziende di distribuzione e fornitura gas, l'invio della Dichiarazione di Conformità dell'impianto gas interno a pena la chiusura del contatore dopo un determinato periodo di tempo.