Cari utenti e colleghi....

Dopo l'ennesima richiesta di eseguire un collegamento di un semplice piano cottura a GAS in appartamento in affitto (fosse stato di proprietà non sarebbe cambiato nulla) ho deciso di scrivere questo articolo.

Nel caso specifico ricevendo una chiamata per appunto collegare una cucina, ho richiesto alcune informazioni prima di recarmi a vuoto sul posto.

Ho domandato se esisteva una apertura di ventilazione, uno scarico vapori e gas di combustione del piano cottura e se presente uno scaldabagno a gas e sua ubicazione; purtroppo le prime 2 risposte sono state negative mentre per lo scaldabagno scaricando fuori in balcone con tutta probabilità non rispetta le misure richieste dalla UNI 7129.

Conclusione il possibile cliente rimanendo allibito e del tutto ignaro delle normative sulla sicurezza, sul quale ho precisato che

la prima norma risale al lontano 1972 (UNI CIG 7129/1972)

dopo l'uscita della legge sulla sicurezza impianti gas ecc... L.1083/1968, ha deciso di rinunciare al mio intervento ancor prima di parlare di costi eventuali.

Sicuramente come già ribadito su forum, siti, responsabili aziende Gas, convegni ecc... troverà immediatamente il collega che gli farà il lavoro fuori norma senza rispettare le più basilari accortezze al fine di evitare possibili incidenti come purtroppo ogni anno accadono, vedasi articolo UNI CIG.

Certamente ho perso e perderò diversi lavori ma dormirò sonni tranquilli fino a che, chissà un giorno mi stuferò anche io e mi adeguerò alla massa.

Personalmente non vedo l'ora che il governo emani il Decreto attuativo per la parte sugli impianti Gas esistenti e modificati (già attiva da anni per i nuovi impianti) come da Delibera 40/04 in cui sostanzialmente si impone alle aziende Gas di richiedere le dichiarazioni di conformità impianti, pena la chiusura del contatore Gas nei termini previsti.

Vedremo poi come reagiranno installatori ed utenti dal momento in cui a dettare legge saranno le aziende Gas viste dai più un po come istituzioni.

Secondo me l'italiano merita proprio l'Italia che siamo per moltissime situazioni, nel caso specifico finchè la gente non lavorerà con coscienza e gli utenti ignoreranno le norme basilari sulla sicurezza senza pretenderle non cambierà nulla ma al presentarsi di disgrazie e tragedie saremo nuovamente e ipocritamente tutti pronti a lamentarci del malcostume esistente nel nostro bel paese.